Rientrare dall’estero

Scopri se hai diritto a rientrare dall’estero o a ritornare all’estero, ai tempi del Coronavirus (COVID-19).

Sono un cittadino italiano all’estero/uno straniero residente in Italia. Ho diritto a rientrare in Italia?
Sto rientrando in Italia. Cosa devo fare prima della partenza? E dopo essere entrato nel territorio nazionale?
Posso trascorrere i 14 giorni di isolamento in un luogo diverso dalla mia abitazione?
Non ho un luogo in cui trascorrere la quarantena. Cosa posso fare?
Le misure di quarantena si estendono a tutti i componenti del mio nucleo familiare anche se sono io l’unico/a a rientrare dall’estero?
Sono in rientro dall’estero. Posso chiedere ad una persona di venirmi a prendere in macchina all’aeroporto, alla stazione ferroviaria o al porto di arrivo?
Sono un cittadino straniero e mi trovo in Italia. Posso fare rientro nel mio Paese?
Sono un cittadino italiano all’estero/uno straniero residente in Italia. Ho diritto a rientrare in Italia?

Sì, se il rientro risponde a un’urgenza assoluta. Esempi di situazioni di assoluta urgenza includono:

  • il rientro di cittadini italiani/stranieri residenti in Italia che siano all’estero in via temporanea (ad esempio, per turismo o affari)
  • il rientro in Italia dei cittadini italiani/stranieri residenti in Italia che debbano lasciare a lungo termine il Paese estero dove lavoravano/studiavano: ad esempio, perché hanno perso il lavoro, la casa, o perché il loro corso di studi è stato interrotto.

La temporanea sospensione del lavoro o la sua continuazione in modalità di “lavoro agile” non consentono spostamenti.

Una volta entrati nel territorio nazionale, gli interessati dovranno raggiungere il domicilio nel minore tempo possibile.

Le circostanze di assoluta urgenza, lavoro o salute devono essere autocertificate.

Sto rientrando in Italia. Cosa devo fare prima della partenza? E dopo essere entrato nel territorio nazionale?

All’imbarco devi:

  • Consegnare l’autocertificazione sui motivi del viaggio (link al modulo);
  • Verificare che l’autocertificazione includa:
    • i motivi del viaggio in modo dettagliato (salute, lavoro, o urgenza assoluta)
    • il luogo dove trascorrerai i 14 giorni di isolamento fiduciario,
    • il mezzo con cui raggiungerai il luogo,
    • un recapito telefonico.

Arrivato nell’abitazione dove intendi trascorrere i 14 giorni di isolamento, devi:

  • Comunicare l’avvenuto ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio (ASL);
  • Rimanere in isolamento fiduciario per 14 giorni (divieto assoluto di uscire per 14 giorni).
Posso trascorrere i 14 giorni di isolamento in un luogo diverso dalla mia abitazione?

Sì, puoi trascorrere l’isolamento anche in un luogo diverso dalla tua abitazione, a tua scelta.

Non ho un luogo in cui trascorrere la quarantena. Cosa posso fare?

Se non hai luogo dove trascorrere la quarantena o non ha modo di raggiungerlo (non ti possono venire a prendere, non trovi stanza d’albergo, ecc.), allora devi trascorrere il periodo di isolamento in luogo stabilito dalla Protezione civile. Le spese saranno a tuo carico.

Le misure di quarantena si estendono a tutti i componenti del mio nucleo familiare anche se sono io l’unico/a a rientrare dall’estero?

No. La sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario non si estendono ai componenti del nucleo familiare che siano già presenti in Italia.

Sono in rientro dall’estero. Posso chiedere ad una persona di venirmi a prendere in macchina all’aeroporto, alla stazione ferroviaria o al porto di arrivo?

Sì, ma la persona che ti viene a prendere deve convivere o coabitare con te. Lo spostamento in questione si considera una situazione di ‘assoluta urgenza’, che dovrà essere autocertificata (link).

Sono un cittadino straniero e mi trovo in Italia. Posso fare rientro nel mio Paese?

Sì, se il rientro è un’urgenza assoluta. Situazioni di ‘assoluta urgenza’ includono:

  • il rientro di cittadini stranieri che siano in Italia in via temporanea (ad esempio, per turismo o affari);
  • il rientro di cittadini stranieri che debbano lasciare l’Italia a lungo termine: ad esempio, perché hanno perso il lavoro che avevano in Italia, la casa che avevano in Italia, o perché il loro corso di studi in Italia è stato interrotto.

La temporanea sospensione del lavoro o la sua continuazione in modalità di “lavoro agile” non consentono spostamenti.

Si raccomanda di verificare le misure anti-contagio previste nel Paese di destinazione. Si invita a contattare l’ambasciata del proprio Paese in Italia.

Menu

Utilizzando il sito, accetti la nostra Privacy Policy | Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi